Descrizione Progetto

LA SEDIA LEGGERA DI CHIAVARI

La sedia leggera di Chiavari, detta chiavarina fu creata nel 1807, rielaborando alcuni modelli di sedie francesi riconducibili allo stile Impero.
Ne venne semplificato l’apparato decorativo e ridotto le sezioni degli elementi strutturali.

La sedia ebbe successo e in breve tempo nacquero moltissime manifatture a Chiavari venendo molto apprezzata nel tempo da figure importanti e artisti.

La sua tecnica costruttiva restò immutata nella sua storia, una perfetta conoscenza dei leveraggi e dell’elasticità del legno, una lunga lavorazione artigianale degli elementi. L’assemblaggio a mano, l’impiego di essenze di ciliegio e faggio, una stagionatura naturale e l’intreccio in canna d’india dei sedili sono solo alcuni degli ingredienti dell’unicità di queste sedute.

La particolare leggerezza è ottenuta attraverso le sezioni strutturali: ciascun componente della sedia è infatti dimensionato in base alle sollecitazioni specifiche a cui è chiamato a rispondere.

L’architetto e designer Gio Ponti, trasse ispirazione dal sistema strutturale della sedia di Chiavari per la sua sedia Superleggera del 1955 .